Scrittori: Eugenio Corti, escono gli inediti diari di guerra e di pace 1940-49

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 mag. – (Adnkronos) – A 100 anni dalla nascita escono in libreria, per i tipi delle Edizioni Ares, i diari inediti dello scrittore Eugenio Corti (1921-2014): "Ciascuno è incalzato dalla sua Provvidenza. Diari di guerra e di pace 1940-1949".

Corti, autore del monumentale "Il cavallo rosso" (34 edizioni, tradotto in 8 lingue, oltre 400mila copie vendute), è uno dei più importanti autori della letteratura italiana del secondo Novecento. Questi diari, interessanti sia dal punto di vista letterario che da quello storico, insieme a "I più non ritornano" e "Gli ultimi soldati del re", rappresentano l'esordio di Corti come cronista di guerra e narratore e rivelano la genesi di molte vicende presenti nell'epopea del "Cavallo rosso".

"Fin da fanciullo, posso dire, ho sempre avuto il desiderio di scrivere qualcosa. Era un desiderio indefinito: ma in questi ultimi anni, esso è venuto acquistando caratteri ben determinati". (16 febbraio 1941). "Ricominciare! Può la volontà ricominciare, non il cuore: esso lascia il suo amore e la sua capacità di amare lungo la via, come la greggia i bioccoli di lana per i sentieri spinosi, e nessuno li guarda" (14 settembre 1944): tra queste due frasi l'esperienza terribile che un giovane uomo ha fatto della guerra: il fronte del Don, la ritirata dalla Russia. E, dopo l'8 settembre 1943, la battaglia insieme agli Alleati contro i tedeschi sul fronte adriatico. Si trovano in queste pagine di Corti la vita di un soldato e soprattutto la genesi della sua vocazione di scrittore e la sua maturazione umana, il passaggio dall’idealità giovanile alla serietà dell’impegno di chi è passato attraverso il fuoco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli