Sculture invisibili, l’artista Garau: l’assenza dell’opera turba

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 giu. (askanews) - "Mi sono domandato perché il mondo dell'arte e non solo si sia scandalizzato per la vendita all'asta di una delle mie sculture invisibili e perché l'operazione abbia sollevato tante discussioni, al punto da ricevere molte accuse anche sui social. Sinceramente ritengo che si tratti di una cifra irrisoria se paragonata ad alcuni NFT o sculture vendute per milioni di dollari". L'artista Salvatore Garau, di cui recentemente è stava battuta all'asta per 15mila dollari la scultura invisibile "IO SONO", ha voluto commentare le polemiche seguite alla vendita della sua opera inesistente.

"Mi sembra di essere Davide contro Golia - ha aggiunto Garau -. Forse le mie opere invisibili fanno paura perché sono un contenuto di pensiero in costante fluttuazione, di poesia pura, e vanno nella direzione opposta agli NFT, fortemente inquinanti e contrari alla mia etica di artista. Sì, ho venduto un niente colmo del tutto, anche dei 40 anni della mia arte. Lo dimostra la vitalità che la mia opera ha generato. Eppure, non sono stato così originale. C'è già troppo di niente che viene venduto per qualcosa, e nessuno ci fa caso".

Il progetto di sculture invisibili concepito da Garau prevede sette installazioni, la terza, "Afrodite piange", è stata da poco inaugurata davanti alla Federal Hall di New York.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli