Scuola: allarme Bellanova, 'stringere tempi o rischio-paralisi e nuova Dad'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 ago. (Adnkronos) – Una collaborazione più stretta tra i ministeri competenti e stringere sui tempi in vista della ripresa dell'anno scolastico. "Colgo il rischio-paralisi di una discussione infinita che alla fine potrebbe determinare il ripiegamento sulla dad con la minaccia evidente di non riaprire le scuole e non consentire le lezioni in presenza". La viceministra alle Infrastrutture e Trasporto, Teresa Bellanova di Iv, lancia l'allarme sui tempi di organizzazione per la riapertura delle scuole, parlando con l'Adnkronos.

Viceministra Bellanova, sulle Linee Guida sottoposte dal Ministro Giovannini al Cts già alcuni Presidenti sottolineano difficoltà sulle risorse e sul costo globale dell’operazione. Si rischia di andare fuori tempo massimo? "Mi auguro proprio di no e che dai Tavoli prefettizi, già impegnati fin dallo scorso anno, come dalle Regioni arrivino proposte e soluzioni, per affrontare punto per punto quanto richiesto dal rispetto delle Linee Guida. Allo stesso tempo ritengo sarebbe stato importante che proprio le Linee Guida, considerata la complessità e l’ampiezza della questione, fossero l’esito di una piena condivisione a monte, con le forze politiche come con chi è direttamente coinvolto nell’attuazione ed oggi esprime perplessità, dalle Regioni alle aziende dell’autotrasporto".

Coglie delle criticità insormontabili? "Colgo il rischio-paralisi di una discussione infinita che alla fine potrebbe determinare il ripiegamento sulla dad con la minaccia evidente di non riaprire le scuole e non consentire le lezioni in presenza. E’ un tema che Italia Viva mette al centro da mesi, perché riteniamo che questo rischio sia da scongiurare nel modo più assoluto e che la dad, nonostante l’enorme impegno e sacrificio dei docenti come delle famiglie, abbia fatto già troppi danni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli