Scuola, Andreoni: "Riapertura è rischio, potremmo pentircene"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Sulla possibile riapertura delle scuole "ci sono dei rischi e questo è certo, tutto ciò che è creare assembramento aumenta il pericolo di diffusione di Sars-CoV-2". Lo afferma all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. "Riaprire tutte gli istituti è una scelta politica, io come medico sono preoccupato - avverte - e mi schiero dalla parte di coloro che sostengono che ogni volta che abbiamo allentato le misure i contagi sono saliti. Potremmo pentircene".

"Se la scuola riesce a mantenere le misure di distanziamento e protezione potremmo anche arginare il rischio - rimarca - ma alcuni dati ci dicono che dopo l'apertura a settembre c'è stato un incremento dei contagi nella fascia d'età dei liceali. Dobbiamo stare molto attenti".

Per l'espetto, il Natale che verrà "deve essere con più restrizioni possibili. Possiamo andare incontro alle esigenze delle persone, ma solo quelle attuabili in ottica di sicurezza sanitaria". Andreoni sulle prossime feste non vuole sentire parlare di ammorbidimento delle misure anti-Covid. "Più teniamo le misure varate nei Dpcm - avverte il direttore scientifico della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma - e più freniamo l'espandersi della Sars-CoV-2. Su questo siamo tutti sono d'accordo. Abbiamo un insegnamento che ci arriva dall'agosto scorso: se ci lasciamo andare, non riusciamo a contenere l'epidemia".