Scuola, Anief: per le supplenze presidi chiamano universitari

Red/Nav

Roma, 7 set. (askanews) - Il reclutamento dei docenti precari è così male organizzato che pur in presenza di una mole altissima di precari storici, non tutti sotto contratto, i dirigenti scolastici per coprire le tante cattedre vuote si stanno rivolgendo agli studenti non ancora laureati che hanno prodotto una semplice domandina alle scuole con il sistema, nemmeno previsto dalla legge, della "messa a disposizione".

La modalità, denunciata prima di tutti dall'Anief, sta prendendo largo, dopo che si è allungata la lista delle regioni, come Veneto, Lombardia e Piemonte, ma anche del Sud, come Sardegna, Abruzzo e la Sicilia, con sempre più graduatorie ad esaurimento e di merito prive di candidati: a mancare all'appello, sono soprattutto docenti di sostegno, italiano, matematica e discipline tecniche alle superiori.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: "Se la politica avesse dato retta all'Anief e all'Unione europea, non saremmo ridotti in questo stato. Sarebbe bastato prevedere dei canali di accesso ai ruoli attraverso graduatorie di istituto provinciali per tutti i docenti e laureati ivi inseriti, scorrendo, le graduatorie di merito esistenti, senza licenziare il personale assunto con riserva. È un paradosso, nel Paese del mondo col più grande numero di aspiranti insegnanti, nelle scuole si deve tamponare con la chiamata diretta dei laureandi: peggio di così non si poteva fare. Speriamo che il ministro Fioramonti ci ascolti"

Se in un Paese moderno, come l'Italia, decine e decine di migliaia di supplenze della scuola pubblica vengono affidate ai presidi, c'è qualcosa che non quadra: perché i poveri dirigenti scolastici, prima tentano di reperire i supplenti con le graduatorie d'istituto di seconda e terza fascia. Sempre più spesso, però, si rendono conto che queste liste non bastano. Ed è in quel momento che le Mad, diventano "una risorsa imprescindibile", ha ricordato anche Il Corriere della Sera. Aggiungendo che stanno aumentando i casi in cui gli stessi presidi, per coprire le discipline con meno candidati, sono costretti ad accettare le proposte di supplenza prodotte da precari non solo fuori graduatoria ma anche da semplici studenti universitari. (Segue)