Scuola, in arrivo 350 milioni per l'avvio in sicurezza

·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Prosegue il lavoro del ministero dell'Istruzione in vista della ripresa di settembre. Sono stati infatti ripartiti, con un decreto del ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, d'intesa con il ministero dell'Economia e delle Finanze, i 350 milioni di euro stanziati dal decreto sostegni bis per garantire l'avvio dell'anno 2021/2022 in sicurezza.

Si tratta di risorse che i dirigenti scolastici potranno utilizzare per l'acquisto di dispositivi di protezione e di materiale per l'igiene individuale o degli ambienti, ma anche per interventi a favore della didattica per le studentesse e gli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento e altri bisogni educativi speciali, per potenziare gli strumenti digitali, per favorire l'inclusione e contrastare la dispersione scolastica attraverso il potenziamento dell'offerta formativa. I fondi si potranno utilizzare anche per adattare gli spazi interni ed esterni degli istituti per garantire lo svolgimento delle lezioni in sicurezza o per l'acquisto di servizi professionali, di formazione e di assistenza tecnica per la sicurezza sui luoghi di lavoro, per l'assistenza medico-sanitaria e psicologica. Si potranno acquistare strumenti per l'aerazione e quanto ritenuto utile per migliorare le condizioni di sicurezza all'interno degli Istituti.

Con il decreto firmato, ora al vaglio degli organi di controllo, viene resa nota la somma a disposizione di ciascuna scuola. L'assegnazione dei fondi avverrà nei prossimi giorni insieme all'invio di una apposita nota che il Ministero dell'Istruzione fornirà alle scuole con le istruzioni operative per l'utilizzo delle risorse. Sarà previsto un supporto attraverso l'help desk per l'emergenza.

(ITALPRESS).

sat/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli