Scuola, Garante minori: "Homeschooling se necessario, ma serve disciplina più specifica"

·3 minuto per la lettura

"Se è vero che l’istruzione parentale è consentita dal nostro ordinamento, è pur vero che il ricorso a essa potrebbe essere circoscritto a casi particolari e a situazioni di necessità. La Convenzione di New York del 1989 parla di diritto all’educazione e all’istruzione come di un binomio inscindibile e, se l’istruzione parentale assolve al diritto all’istruzione, non è certo che garantisca anche quello all’educazione. Quest’ultimo si realizza infatti attraverso il confronto con la diversità e con la pluralità degli insegnamenti e delle esperienze". Ad intervenire sull'allarme lanciato dalla provincia autonoma di Bolzano, in Trentino Alto Adige, relativamente alla rapida crescita del fenomeno dell'homeschooling ed all'aumento registrato dai dati nazionali dell'istruzione in casa diffusi dall'Adnkronos è l'Autorità garante nazionale dell'Infanzia e dell'Adolescenza, Carla Garlatti che sollecita "lo sviluppo di una disciplina più specifica rispetto alle previsioni attuali, così da assicurare istruzione di qualità, socialità ed un armonico sviluppo”.

“La scuola in presenza è un valore - dice la Garante all'Adnkronos - Senza di essa i ragazzi perdono occasioni di socialità e crescita. Lo abbiamo visto con la didattica a distanza, della quale stiamo studiando le ricadute anche sul benessere psicologico di bambini e adolescenti. Ciò non toglie che l’istruzione parentale, il cosiddetto homeschooling, non abbia una sua funzione e una sua legittimità. Il numero degli alunni che studiano a casa rispetto al 2018-2019, dai dati diffusi ieri da AdnKronos, risulterebbe in crescita. Ma ciò può forse essere collegato al fatto che il 2020, anno al quale si riferiscono i dati, è stato anche l’anno del lockdown e della Dad".

Secondo la Garlatti, "in ogni caso sarebbe necessario approfondire meglio, con indagini ad hoc. Si tratta comunque, in termini assoluti, di un fenomeno circoscritto: nell’anno scolastico 2020-2021, sempre esaminando gli stessi dati, l’istruzione parentale ha riguardato solo due alunni, ogni mille, iscritti a scuola e per il 65% si è trattato di bambini in età di primaria. I tassi più alti sono stati registrati in Friuli-Venezia Giulia, quattro ogni mille, e in Veneto e Marche, con tre su mille, mentre a sud – per esempio in Basilicata e in Calabria, l’homeschooling è pressoché irrilevante".

"I genitori, secondo la Convenzione di New York e la costituzione italiana, hanno entrambi la responsabilità dell’educazione del fanciullo e sono chiamati a provvedere al suo sviluppo. Perché però tali diritti siano attuati anche a casa è opportuno che la qualità dell’istruzione sia conforme agli standard definiti a livello ministeriale e ne rispetti il curricolo e che sia assicurata la relazione con i pari e con altri adulti - ricorda la Garante dei minori - Sarebbe utile la previsione di un progetto educativo a priori presentato dagli stessi genitori-insegnanti, mentre un controllo annuale in sede di esame, da privatisti, rischia di arrivare tardi rispetto alla realizzazione del diritto all’educazione che deve essere assicurato a ogni minore. Questi aspetti - conclude - potrebbero essere oggetto di una disciplina più specifica rispetto alle previsioni attuali, così da assicurare istruzione di qualità, socialità e un armonico sviluppo".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli