Scuola, Barbara Floridia: "Concorso ordinario per assumere docenti entro l'anno"

Fabio Luppino
·Ufficio centrale HuffPost
·2 minuto per la lettura
Fb (Photo: Fb)
Fb (Photo: Fb)

“In Lombardia mi sento di stare a fianco dei genitori, non si può decidere in modo così radicale di chiudere le scuole. Non si tutela la salute solo non contagiandosi, ma anche salvaguardando l’equilibrio psicofisico dei nostri ragazzi”. Barbara Floridia, 44 anni, neo sottosegretaria all’Istruzione, M5s, prima di entrare in Parlamento come senatrice, faceva l’insegnante. Mestiere che, presumibilmente, dopo, continuerà a fare. Lei e il leghista Rossano Sasso sono i principali interlocutori del ministro Patrizio Bianchi.

Ecco, governate insieme ai partiti che hanno voluto le cosiddette classi pollaio. Il Movimento si è posto l’obiettivo di cancellarle, come si conciliano le due cose?

Siamo temporaneamente nello stesso governo voluto dal Presidente...

Quindi?

Quindi la cancellazione della norma che impone i 27 alunni per classe - io ho insegnato anche in classi con 34 ragazzi - resta per me una priorità. C’è già un disegno di legge dell’ex ministra Lucia Azzolina e da lì partiamo. Sono state messe le condizioni per cui oggi questo obiettivo è fattibile. In questi mesi molti edifici scolastici sono stati meglio ripartiti, ci sono più spazi, sono stati fatti investimenti anche per le esigenze imposte dalla pandemia. C’è un piano di edilizia scolastica da cui partire, ci saranno spazi che consentiranno di fare più classi e ridurre gli alunni. Poi, naturalmente si dovranno assumere docenti. Trentamila entreranno con il concorso straordinario, stiamo lavorando per assumerne altri 40mila in breve tempo.

E alla Gelmini che quella norma l’ha voluta, lo dice lei?

Quella norma è servita a togliere risorse e cattedre alla scuola. Noi andiamo in una direzione contraria.

Ma governate insieme?

Temporaneamente...

Sarà. Intanto l’ultimo Dpcm ha lasciato ampi poteri discrezionali alle Regioni sulle scuole. E, infatti, ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.