Scuola: Bianchi, 'economia educazione pilastro sviluppo, senza risorse il loop è negativo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 apr. (Adnkronos) – L'economia dell'educazione è uno dei pilastri dello sviluppo che si declina in termini di aumento delle competenze ed anche di partecipazione alla vita democratica di un Paese. Ne parla il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi che, intervenendo ad un dibattito organizzato dall'università di Parma e visibile sul canale youtube dell'Ateneo, afferma: "Il loop diventa negativo se non ci sono le risorse", come avviene in Italia, dove la mancata riduzione della dispersione scolastica è il motore di una frattura 'oltre che economica' nel Paese.

Il Pnrr grazie al "forte investimento nell'educazione" mira ad un aumento nella partecipazione democratica ed una riattivazione dell'intero processo, arginando il rischio di una frattura interna tra nord e sud del Paese. Nel Piano il "contrasto alla povertà educativa e alla dispersione scolastica è il primo punto", ricorda il Ministro. Come l'opposizione alla "dispersione implicita: molti ragazzi ottengono un buon esito finale ma alla prova dei fatti cioè sulla valutazione delle capacità", si è molto lontani dal livello richiesto. "Questo è il perno del rilancio". Per vincere è necessario innescare un "meccanismo di trasformazione senza frattura".