Scuola, Bussetti: scuole non nascondano il Presepe o il Crocifisso

Gci

Roma, 1 dic. (askanews) - "Nel presepe c'è la nostra identità. Le scuole non lo nascondano". E' quanto invita a fare, in una intervista al Corriere della Sera, il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti che annuncia anche, per il sistema scolastico meno ore dedicate all'alternanza scuola-lavoro "ma più qualità".

Il ministro al quotidiano di via Solferino conferma che non interverrà nelle scuole che vietano l'esposizione di simboli religiosi ma aggiunge: "Crocifisso e presepe sono simboli dei nostri valori, della nostra cultura, delle nostre tradizioni e della nostra identità. Non vedo che fastidio diano a scuola. Chi pensa che l'inclusione si faccia nascondendoli, è fuori strada".

Rispondendo poi ad una domanda sull'accusa di aver smantellato l'esperienza dell'alternanza scuola-lavoro, Bussetti precisa: "l'alternanza c'è ed è un istituto fondamentale per la crescita dei nostri giovani ma guardando le esperienze di questi anni abbiamo ritenuto di ridurre il numero minimo obbligatorio delle ore. Gestire 400 ore di alternanza crea in alcune realtà difficoltà nel garantire la qualità dell'esperienza. Quindi abbiamo fissato un minimo che deve essere di 180 nei professionali, 150 negli istituti tecnici e 90 nei licei: significa che se una scuola ha una bella esperienza di scuola-lavoro, può continuare a farla per 400 o 600 ore".