Scuola: Costarelli (presidi Lazio), 'no a dad fino al 31 gennaio, sì a quarantena con un positivo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 dic. (Adnkronos) – "La scuola deve essere in presenza, magari favorendo misure di quarantena direttamente con un solo positivo, invece della sorveglianza con testing". Così Cristina Costarelli, presidente Associazione nazionale presidi commenta la possibilità di un ricorso alla Didattica a distanza fino al 31 gennaio vista la diffusione dei contagi e aggiunge: "Sicuramente le ffp2 darebbero maggiore sicurezza".

"Dal momento che la sorveglianza con T0 e T5 non è sostenibile nè dalle Asl nè dalle scuole e dato che di fatto gli studenti stanno assenti diversi giorni comunque, sarebbe meglio attivare la quarantena diretta con un positivo, come previsto ad inizio anno scolastico". Anche se è stata promessa una maggiore presenza della struttura commissariale nelle scuole "ad oggi nel Lazio non abbiamo visto nulla di quanto garantito il 30 novembre. Speriamo – conclude Costarelli – di avere qualche certezza al 7 gennaio, ma in generale la quarantena con un positivo è la soluzione più percorribile per tutti" per scongiurare il ricorso alla dad per tutti a gennaio.

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli