Scuola: Costarelli (presidi Lazio), 'nuovo protocollo quarantene? Mantenuto il vecchio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 nov. (Adnkronos) – "La nuova nota congiunta del ministero della Salute, dell'Istruzione e dell'Iss concernente le 'Indicazioni per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico' è senza gambe, inapplicabile. Il sistema sanitario al suo interno non si è coordinato. Si è pubblicata una nota senza prima verificare che ci fossero tutte le condizioni per attuarla. Con il risultato che le Aziende sanitarie, adesso che il nuovo protocollo è in vigore, si stanno preparando ad adottare le nuove disposizioni". Lo dice all'Adnkronos la presidente dell'Associazione nazionale presidi per il Lazio, Cristina Costarelli.

Costarelli spiega: "Ad oggi noi non sappiamo il T zero (tampone previsto nel nuovo Protocollo quarantene da effettuare il prima possibile dal momento in cui si è stati informati del contatto, in tempo zero- ndr) dove si fa. All'Asl? In farmacia? Pertanto in caso di studente positivo, noi dell'Anp Lazio suggeriamo ai colleghi di comunicarlo all'Azienda sanitaria ed attendere indicazioni. Riscontriamo che al momento vengono mantenute le vecchie procedure e non è ancora stato attuato il nuovo protocollo".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli