Scuola: ex ministro Fedeli, 'linee guida gender? Spero genitori non siano stati esclusi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 mag. (Adnkronos) – "Mi auguro che i genitori non siano stati esclusi. Se così fosse, sarebbe un peccato. Nell'offerta formativa c'è una corresponsabilità di tutti alla crescita ed al reciproco rispetto delle diversità". Così commenta all'Adnkronos le polemiche sorte sulle linee guida 'gender', Valeria Fedeli, promotrice da ministro dell'Istruzione nell'ottobre 2017 del Piano nazionale per promuovere nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione al rispetto, per contrastare ogni forma di violenza e discriminazione e favorire il superamento di pregiudizi e disuguaglianze, secondo i principi espressi dall'articolo 3 della Costituzione italiana.

La Fedeli ammonisce: "E' giusto che la scuola informi tutti i genitori. E' un peccato se non sono stati coinvolti. Ma attenzione: troppo spesso le polemiche sono strumentali".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli