Scuola, Fratoianni: subito classi meno numerose

Luc

Roma, 25 giu. (askanews) - "La scuola italiana a settembre deve aprire in sicurezza e in presenza, le linee guida senza le risorse necessarie per rendere ci possibile rischiano di essere del insufficienti". Lo afferma il portavoce nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

"Abbiamo dunque bisogno per rendere concreto il diritto delle studentesse e degli studenti del nostro Paese di tornare tutti in classe a settembre in sicurezza - prosegue il parlamentare di Leu in commissione cultura a Montecitorio - di liberare le risorse necessarie, anche attraverso un nuovo scostamento di bilancio, per potenziare gli organici e ridurre il numero di alunni per classi a partire dalle prime di ogni ciclo. Occorre almeno raddoppiare le risorse gi disponibili. Il governo pu e deve intervenire in tal senso e deve farlo presto".

"Per queste ragioni - sottolinea Fratoianni - condivido le proposte delle manifestazioni di oggi in oltre 60 piazza italiane. E per le stesse ragioni ritengo che ci sia bisogno di un intervento strutturale sulla scuola che riesca in un triennio a ridare la giusta centralit al sistema pubblico di istruzione. Sinistra Italiana chiede di investire una quota non inferiore al 10% dei finanziamenti pubblici di origine europea per migliorare il sistema pubblico di istruzione attraverso: riduzione del numero di alunni per classe, potenziamento organici a partire dalla scuola dell'infanzia e dal sostegno agli studenti disabili, innovazione didattica, prolungamento del tempo scuola, piano nazionale antidispersione scolastica e di contrasto alla povert educativa, implementazione, innovazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici".