Scuola, Gallo (M5s): chi fa propaganda e chi assume 60mila precari

Pol/Gal

Roma, 3 dic. (askanews) - "Negli ultimi 20 anni il mondo della scuola è stato massacrato e sfasciato da persone prive di idee e di capacità. Oggi invece, grazie a un grande lavoro Ministeriale e Parlamentare, cominciamo a dare risposte importanti approvando il DecretoIstruzione. C'è chi spende soldi per la propaganda, chi urla dai palchi 'prima gli italiani' ma poi mette prima sempre qualcos'altro e chi invece lavora per obiettivi alti, come quello di mettere al primo posto l'istruzione e la ricerca nel Paese, parliamo del futuro dei nostri figli e prima di questo non so cos'altro possa esserci". E' quanto afferma in una nota Luigi Gallo del M5s.

"Grazie al nostro lavoro saranno assunte 60.000 persone. Persone a cui fino a qualche anno fa nessuno si sarebbe sognato di dare risposte. Un primo passo per la costruzione di una scuola e un'università più meritocratica ed efficiente, a partire dall'assunzione di 48.000 insegnanti, di 11.000 collaboratori scolastici e dalla liberazione di 9.000 posti di lavoro con Quota100. Ma non solo, valorizziamo la ricerca con la stabilizzazione dei precari e l'estensione da 6 a 9 anni di abilitazione scientifica nazionale per 30.000 aspiranti docenti universitari", conclude.