Scuola: Giannelli (presidi), 'chi in malattia escluso da obbligo? E' controverso, sia chiarito'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 dic. (Adnkronos) – "L'esclusione dall'obbligo vaccinale del personale scolastico in malattia è un aspetto controverso sul quale auspichiamo ed attendiamo un chiarimento definitivo". Così all'Adnkronos il presidente nazionale dei presidi, Antonello Giannelli che aggiunge: "Con la nuova super app i non vaccinati presenti e assenti sono egualmente visibili. L'invito a vaccinarsi agli assenti potrebbe essere inviato con raccomandata, invece che consegnato a mano sul posto, come avviene con i presenti. Certo – constata – mandare notifiche per posta rischia di allungare i tempi".

"Il dato controverso – spiega il presidente dei presidi – è che ci sono interpretazioni diverse e contrastanti sul considerare la persona in malattia in servizio, o sospesa dal servizio. E su questo auspichiamo un chiarimento". Anche perché, "aumenteranno le assenze. Ci sarà un aggravio nella gestione amministrativa: dovremo ricorrere a supplenze, con difficoltà di reperimento soprattutto al nord, dove non si trovano".

Quali sono i numeri? "Da stime grossolane ma verosimili prevediamo che 50mila persone (il 5% del totale) non siano vaccinate, la metà perché non può, il resto perché non ha voluto. Una piccola frazione, equivalente allo 0,5%, sempre stima verosimile ma grossolana, è in malattia".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli