Scuola: Giannelli (presidi), 'genitori ne hanno bisogno per lavorare, Draghi se n'è fatto portavoce'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 gen. (Adnkronos) – Draghi ha confermato la posizione del Governo, perfettamente legittima. Io sono di avviso diverso, avrei preferito rinviare di qualche settimana ma evidentemente non era possibile ignorare la forte spinta sociale, forse maggioritaria, di tutto il paese per la scuola in presenza. Senza scuola i genitori non possono lavorare. Draghi se ne è fatto portavoce". Così all'Adnkronos il presidente dell'Associazione nazionale Anp Antonello Giannelli che aggiunge: "Apprezzo il riconoscimento del presidente del Consiglio del lavoro svolto dal personale scolastico, grazie alla cui abnegazione la scuola ha mantenuto la sua regolarità anche nei momenti più bui".

Draghi ha parlato di 65 giorni medi persi rispetto alla media europea di di 27 giorni: "evidentemente i dati di cui dispone lo hanno spinto a questa scelta. Persone diverse avrebbero fatto scelte diverse. Non ce ne è una migliore di altre".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli