Scuola: Giannelli (Presidi), 'momento moral suasion c'è stato, ora trovare forma d'obbligo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 lug. – (Adnkronos) – "Io più volte mi sono espresso al riguardo, c'è stato un momento che si doveva ricorrere alla moral suasion ma ora il tempo stringe e a questo punto credo sia opportuno trovare una forma di obbligo". Così all'Adnkronos Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi in merito all'obbligo del vaccino contro il Covid-19 per i docenti. "Se una persona che non è vaccinata è a contatto con un utenza – sottolinea Giannelli – è chiaro che può diffondere il virus: non è tanto questione di tutela personale ma è una tutela di salute collettiva".

"Io però non credo che da parte del personale scolastico, dei docenti vi sia una ritrosia a vaccinarsi, secondo me da un lato c'è una sovrastima della persone ancora da vaccinare, perché quel 200mila che sta girando sia una cifra troppo alta, – continua Giannelli – e credo risenta del fatto che ad un certo momento le vaccinazioni per i professori si sono fermate, non c'è stata più quella corsia preferenziale e molti forse sono stati vaccinati senza essere registrati come docenti: sono numeri che a mio avviso andrebbero rivisti".

"E bloccare quella corsia preferenziale è stato un errore, – conclude Giannelli – ora scopriamo che si è creato un effetto negativo che noi avevamo denunciato all'epoca".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli