Scuola: Giannelli (presidi), 'solo sporadiche violazioni privacy studenti, vige cultura rispetto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 set. (Adnkronos) – "Non c'è bisogno che il Ministro solleciti le istituzioni scolastiche. Nelle scuole vige la cultura del rispetto della privacy. Abbiamo avuto sporadiche segnalazioni di casi in cui i docenti hanno fatto domande agli studenti sul loro stato vaccinale. E questo dimostra il fatto che si sa benissimo che sono informazioni che non possono essere richieste". Lo dice Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi commentando la lettera dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali al Ministero dell'Istruzione in cui si chiede di sensibilizzare le scuole sui rischi per la privacy derivanti da iniziative finalizzate all’acquisizione di informazioni sullo stato vaccinale degli studenti e dei rispettivi familiari.

Per quanto riguarda la sollecitazione dell'Autorità al Ministero a identificare modalità di attuazione della deroga dall'indossare la mascherina nelle classi in cui tutti gli studenti sono vaccinati mantenendo la privacy, Giannelli afferma: "Sarebbe possibile con una super app, come per il personale scolastico, che interrogando il data base dell'anagrafe vaccinale senza identificare gli alunni dica in quali classi sono tutti vaccinati e in quali no attraverso l'accensione di un semaforo verde e rosso".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli