Scuola: Giannelli (Presidi), 'su mascherine Bianchi condivisibile ma rischio emarginazione'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 set. (Adnkronos) – "E' condivisibile l'intento del Ministro di tornare quanto prima alla normalità. Tutti noi desideriamo stare senza mascherine ed auspichiamo che questo sia possibile in tempi brevi. Ma nel concreto è chiaro che questa situazione pone qualche problema". Ne parla con l'Adnkronos il presidente dell'Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli che, individuando tra le criticità per gli studenti il rischio di "emarginazione dal gruppo", propone una soluzione: "una super app in segreteria contenente la registrazione degli alunni e il loro stato vaccinale. L'accensione di una spia, verde se sono tutti vaccinati, o rossa se non lo sono, potrebbe dare il via libera al professore a fare abbassare le mascherine prima dell'ingresso in classe". Senza trascurare che il rischio diffusione dati sensibili va gestito alla base: "educando i ragazzi alla cittadinanza digitale, al rispetto e alla riservatezza dei propri dati"

"Il fatto che né dirigenti né docenti possano avere informazioni sullo stato di vaccinazione degli alunni è il primo nodo. E anche se fosse ammissibile averle -rileva Giannelli – si potrebbero creare situazioni in cui per pochi non vaccinati non si può abbassare la mascherina. Circostanze che tra gli adolescenti potrebbero innescare una sorta di emarginazione dal gruppo di chi non si è vaccinato, con le conseguenti difficoltà relazionali". Rimedio? "Una super app che consentirebbe il ritorno alla normalità e la tutela della privacy, un po' come per il Green pass per i docenti. Ma è necessario un confronto con il Garante per metterla a punto". Senza trascurare che il rischio diffusione dati sensibili va gestito alla base: "educando i ragazzi alla cittadinanza digitale, al mantenimento e rispetto della riservatezza dei propri dati – ricorda il presidente dei presidi – Potrebbe essere un caso di studio o uno studio di caso ad inizio anno scolastico. Per sensibilizzarli di più con un argomento che li riguarda da vicino sulla serietà dell'argomento".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli