**Scuola: Guzzetta, 'sì a costituzionalisti su educazione civica, ma si pensino schemi'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 giu. (Adnkronos) – "Sono molto d'accordo con le dichiarazioni del presidente Coraggio soprattutto con l'idea di educazione civica, come materia a vocazione interdisciplinare e trasversale, che va al di la della conoscenza importantissima degli istituti di diritto costituzionale". Lo dice all'Adnkronos il costituzionalista Giovanni Guzzetta, professore di Diritto Pubblico dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, commentando le dichiarazioni del presidente della Consulta, Giancarlo Coraggio, sull'insegnamento dell'Educazione civica nelle scuole ed aggiunge: "Tutti sono chiamati in causa e senz'altro i costituzionalisti, già spesso impegnati in incontri extra-curriculari, potrebbero dare il loro contributo anche immaginando forme di didattica alternative, compatibili con attività che fanno professionalmente gli studiosi".

"Modelli di didattica a distanza potrebbero facilitare una interazione tra vari istituti di ricerca, università e scuola tanto più che, mancando la figura dell'insegnante di educazione civica, prima che maturino competenze specifiche ci vorrà tempo. Ma vanno pensati schemi didattici specifici – rileva il professore di Tor Vergata – strutture che diano dignità a questo insegnamento che non può essere la Cenerentola delle materie scolastiche. Per dare dignità alla materia – conclude – è necessaria una organizzazione". (di Roberta Lanzara)