Scuola: Iv, 'bene Bianchi ma dimentica paritarie'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 mag. (Adnkronos) – “Al quarto ministro dell’Istruzione della legislatura audito in questa legislatura, abbiano detto che dobbiamo correre sulla riforma del reclutamento e della formazione, aumentare l’autonomia scolastica e che è fondamentale sfruttare la riforma degli istituti tecnici e professionali per collegarli di più al mondo del lavoro”. Lo dichiarano Gabriele Toccafondi e Daniela Sbrollini, capigruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera e al Senato, a proposito dell’audizione del ministro Bianchi davanti alle stesse commissioni.

“Spiace che nella sua lunga presentazione – continuano – il ministro, così come i suoi tre predecessori, non abbia mai ricordato le scuole paritarie, che dipendono invece dal suo dicastero e rappresentano un pilastro del sistema di istruzione nazionale. Qualità, merito, selezione, valutazione, dialogo tra scuola e realtà del territorio, un sistema nazionale di istruzione e formazione sono necessità, e ci fa piacere che a sottolineare la loro importanza sia il ministro Bianchi. Adesso, però, abbiamo davanti meno di due anni e alcune emergenze da aggredire immediatamente”.

“Preoccupa infatti il regolare avvio dell’anno scolastico, visti i numeri. Se da un lato, siamo disposti a dialogare con tutti per trovare soluzioni, dall’altro, a scuola devono entrare i migliori insegnanti, formati e selezionati, e garantire continuità didattica. Non ci piace sentire parlare di sanatorie ma di percorsi formativi e selettivi. Attendiamo dal ministero numeri e proposte per valutarle”, concludono.