Scuola, le raccomandazioni del Cts: no alla Dad e mascherine al chiuso

·2 minuto per la lettura

AGI -  "Il Cts ritiene assolutamente necessario dare priorità alla didattica in presenza per l'anno scolastico 2021/2022, non solo come strumento essenziale per la formazione degli studenti, ma anche come momento imprescindibile e indispensabile nel loro percorso di sviluppo psicologico, di strutturazione della personalità e dell'abitudine alla socializzazione, la cui mancanza può negativamente tradursi in una situazione di deprivazione sociale e psico-affettiva delle future generazioni".

È quanto si legge nel verbale del comitato tecnico scientifico che risponde a domande del ministero della pubblica Istruzione. Ancora, ritiene il Cts, sempre in proposito della didattica in presenza, "laddove non sia possibile mantenere il distanziamento fisico per la riapertura delle scuole, resta fondamentale mantenere le altre misure non farmacologiche di prevenzione, ivi incluso l'obbligo di indossare nei locali chiusi mascherine di tipo chirurgico". 

Per gli esperti del Comitato tecnico scientifico non sono necessari  "test in ambito scolastico nè screening antigenici o anticorpali per la frequenza scolastica.

Nessun test diagnostico preliminare è necessario, mentre - ove tale soluzione fosse giuridicamente percorribile - puo' ipotizzarsi la richiesta del green pass per il personale".

"In caso di sintomi indicativi di infezione acuta delle vie respiratorie di personale o studenti - si legge ancora - si attivi immediatamente la specifica procedura: il soggetto interessato deve essere invitato a raggiungere la propria abitazione e si dovrà attivare la procedura di segnalazione e contact tracing da parte della ASL competente". 

Personale sia vaccinato e accelerare per over 12

"Il CTS ritiene che tutto il personale scolastico debba essere vaccinato ed esprime, in tal senso, una forte raccomandazione al decisore politico, affinché ogni sforzo sia fatto per raggiungere un'elevata copertura vaccinale in queste popolazione, sia promuovendo intense campagne informative, sia attraverso l'individuazione delle ulteriori misure, anche legislative, appropriate per garantire la più elevata soglia di soggetti vaccinati, in particolare in quelle Regioni nelle quali, ad oggi, si continuano a registrare livelli marcatamente inferiori a quelli osservati in altre Regioni, meglio performanti in questo ambito". Lo scrive il Comitato Tecnico Scientifico nel verbale con cui ha risposto a quesiti del ministero dell'Istruzione.

"Quanto agli studenti di età eguale o superiore ai 12 anni - si legge ancora nel verbale - benché, per questi ultimi, è noto che lo sviluppo di una sintomatologia grave sia evento infrequente e che i casi letali sono estremamente rari, nondimeno si rivela essenziale avanzare celermente con la campagna vaccinale". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli