Scuola: Mattarella, 'determinati contro bullismo e cyberbullismo'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Grugliasco (To), 16 set. (Adnkronos) – "La scuola è legalità. Non è un caso che la piaga dell’abbandono scolastico -che colpisce in particolare alcune regioni- spinga giovani e giovanissimi nell’orbita della criminalità o nelle reti delle bande giovanili. Fenomeni –questi ultimi– che non vanno per nulla sottovalutati. La morte del giovanissimo Alessandro, a Gragnano, ha colpito e commosso la pubblica opinione. Un ragazzo 'pulito', esasperato da angherie, insulti e minacce da parte di suoi coetanei. Una vita spezzata dal bullismo". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo a Grugliasco, in provincia di Torino, alla manifestazione per l'inaugurazione dell'anno scolastico.

"Fenomeni del genere -ha aggiunto il Capo dello Stato- sono purtroppo diffusi e interrogano non solo il mondo della scuola, ma l’intera società. Esprimo alla famiglia di Alessandro la mia vicinanza. Ma desidero sollecitare una profonda riflessione sui fenomeni del bullismo -e della sua forma telematica, il cyberbullismo– chiedendo un grande impegno per contrastarli con determinazione".