Scuola: Mi a Dirigenti, 'realtà ha scosso noi e studenti, giovani vanno accompagnati'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 dic. (Adnkronos) – "La realtà di questo tempo ci ha scosso. Più ancora ha scosso i nostri studenti che, pur animati dalla giovanile baldanza, sono in itinere nella costruzione del proprio sé e dunque maggiormente necessitano di accompagnamento nell'introduzione alla realtà. Perciò ognuno di noi, in questo tempo, è chiamato a fare quanto più e meglio può, nello svolgere il compito scolare cui a diverso titolo è chiamato. In particolare noi dirigenti dello Stato, dirigenti scolastici o del Ministero dell'istruzione". Così il capo dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione del Mi, Stefano Versari, nella nota ai Dirigenti scolastici citando un passaggio del romanziere spagnolo, José Ángel González Sainz, in una recente intervista a El Mundo.

"La legge – ricorda quindi Versari ai presidi – è 'il prerequisito dell’azione amministrativa, la bussola dell’agire civico, l’orizzonte dell’interesse generale… Per diventare dirigenti, al di là di competenze tecniche e professionali specifiche, occorre ascoltare, relazionarsi, confrontarsi, mettersi in gioco. Essere pronti ad assumere rischi e decisioni… occorre anche essere coraggiosi, aperti al cambiamento…'".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli