**Scuola: Mi, 'esenti da obbligo potranno essere adibiti a mansioni diverse'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 dic. (Adnkronos) – "Gli esenti dall'obbligo vaccinale saranno adibiti a mansioni anche diverse, senza decurtazione della retribuzione, in modo da evitare il rischio di diffusione del contagio da Sars-Cov-2”. "Tali previsioni non introducono l'obbligo tout court , quanto piuttosto la possibilità, per il datore di lavoro, di adibire il personale esente/differito dalla vaccinazione a mansioni diverse da quelle ordinariamente svolte". Così il Ministero dell'Istruzione in una circolare sull'obbligo vaccinale del personale scolastico in cui precisa: "Il Legislatore, ovviamente, non chiede al dirigente scolastico interventi 'impossibili' ma, più semplicemente, che si adottino le misure che, 'secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare' la salute del personale scolastico".

Secondo quanto si legge nella nota, il dirigente scolastico avvalendosi del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (Rspp) e del medico competente valuta la possibilità che il personale prosegua nello svolgimento della prestazione lavorativa cui è normalmente adibito. In ipotesi contraria, ovvero qualora dalla valutazione tecnica emerga un rischio elevato, il dirigente individua, sempre con la collaborazione dei tecnici, interventi che consentano di ridurre il rischio, permettendo con ciò il proseguimento del servizio in condizioni accettabili di sicurezza. Tra i provvedimenti protettivi ulteriori adottabili, la nota indica mascherine Ffp2, visiere professionali paraschizzi aggiuntive all'utilizzo di mascherine, utilizzo di aule di maggiore ampiezza, con studenti maggiormente distanziati e in numero ridotto, potenziamento aerazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli