Scuola, Ministero: mascherina “raccomandata” per la maturità, cade l’obbligo

scuola ministero mascherina raccomandata
scuola ministero mascherina raccomandata

Scuola, il Ministero cambia idea: la mascherina non sarà più obbligatoria per gli esami di maturità e di terza media ma soltanto “raccomandata”.

Scuola, Ministero: mascherina “raccomandata” per la maturità, cade l’obbligo

In occasione degli Esami di Stato che gli studenti dell’ultimo anno di scuola secondaria di primo e secondo grado dovranno affrontare nella seconda metà di giugno, il Ministero ha annunciato la revoca dell’obbligo della mascherina. Il dispositivo di protezione individuale anti-Covid, infatti, non sarà più obbligatorio ma l’uso della mascherina sarà soltanto raccomandato.

Nel corso del prossimo Consiglio dei ministri, la proposta verrà presentata in modo ufficiale e, subito dopo la riunione, verrà stilata e diffusa una circolare esplicativa indirizzata a tutte le scuole del territorio nazionale.

In questo modo, il Ministero ha deciso di porsi in netta contrapposizione con quanto recentemente stabilito dal Tar del Lazio, che ha ribadito la necessità di conservare l’obbligo delle mascherine durante la maturità e gli esami di terza media.

Riunione sulla scuola tra i ministri Bianchi e Speranza

La notizia è stata appresa dall’ANSA mentre era in corso di svolgimento un incontro tra il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, e il ministro della Salute, Roberto Speranza. Il focus dell’incontro, secondo quanto riferito da fonti presenti, era incentrato sulla riapertura della scuola a settembre per l’anno scolastico 2022/2023 in presenza e in sicurezza.

Durante la riunione, era presente anche il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), Silvio Brusaferro, che ha mostrato ai due ministri il quadro epidemiologico attualmente esistente in Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli