**Scuola: Pacifico (Anief), 'no a discriminazioni fra vaccinati e non, meno alunni per classe'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 lug. (Adnkronos) – "No a discriminazioni fra vaccinati e non vaccinati, che siano insegnanti o studenti. In Sicilia il 45% del personale non è vaccinato. Allora che facciamo? Riapriamo solo per i vaccinati?". Ad intervenire con l'Adnkronos sulla diffida alla regione Emilia Romagna dei comitati no-dad è il presidente dell'Anief, Marcello Pacifico, che ricorda: "Gli studi dimostrano che anche il vaccinato può contagiare. Per il secondo anno consecutivo di pandemia non si sta facendo la cosa più naturale: ridurre immediatamente il numero di alunni per classe. Se continuiamo così la scuola ad ottobre tornerà in dad, con intere generazioni che perderanno il diritto allo studio".

"Ancora non ho visto numeri sulla quantificazione della spesa nel Pnrr: c'è la voce ma non la quantificazione, perché servono miliardi, non milioni – commenta il sindacalista – La scuola italiana ha bisogno di 100mila classi in più; di 15mila plessi in più; di 4mila sedi di presidenza in più e di 200mila nuovi insegnanti. Poco più dei tagli avuti dal 2008 in poi. Il resto – conclude – sono invenzioni che ci rendono ridicoli in Europa. Siamo l'unico paese al mondo che ha imposto al personale sanitario di vaccinarsi. Se risponde al vero, quanto dichiarato dai comitati no-dad dimostra l'incapacità di risolvere il problema".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli