Scuola, parola la virologo: "Temperatura corporea va abbassata"

·1 minuto per la lettura
covid crisanti scuola
covid crisanti scuola

Ospite al programma di La7 “In Onda”, il virologo Andrea Crisanti ha parlato della riapertura delle scuole in Italia, soffermandosi sull misurazione della febbre e delle regole da seguire in attesa del vaccino anticovid: “Temperatura va misurata a scuola e non deve essere maggiore di 37.1“.

Crisanti: “Temperatura misurata a scuola”

Tra poco meno di due settimane le scuole riapriranno e proprio su questo tema caldo al programma “In onda” è intervenuto il virologo Andrea Crisanti: “La temperatura va misurata a scuola e con strumenti uguali per tutte le scuole. Non credo che la temperatura misurata in 8 milioni di famiglie con termometri diversi, dia un risultato univoco“.

Secondo il virologo, la soglia dovrà essere rivista, per precauzione: “ La temperatura-soglia per gli adulti, cioè 37,5, è del tutto inadeguata per gli studenti. Va abbassata a 37,1-37,2, visto che i giovani sono spesso asintomatici“.

Sì al vaccino anti-influenzale

Si avvicina la stagione delle influenze, e quest’anno più che mai il virologo caldeggia il vaccino anti-influenzale: Io ho proposto che la maggior parte delle persone facesse il vaccino anti-influenzale. Se un bambino durante le lezioni comincia a tossire o sta male, si scatena immediatamente tutto il processo relativo alla protezione anti-covid“.

Crisanti illustra poi brevemente il protocollo da attuare in caso di contagio: “Si isola il bambino e la classe va in quarantena. Si sospendono le lezioni, tutti dovranno essere testati e si deve aspettare l’esito del tampone sul bambino. Le Regioni avevano il compito di ordinare i vaccini già ad aprile-maggio. Sarebbe interessante sapere per ogni Regione quanti vaccini hanno ordinato. Adesso sarebbe anche tardi”.