Scuola, parte la protesta dei presidi

·1 minuto per la lettura

Parte la protesta dei dirigenti scolastici. DirigentiScuola, il sindacato dei presidi, proclama lo stato di agitazione. "Caro ministro, siamo stati molto, troppo pazienti - afferma il presidente del sindacato, Attilio Fratta - Abbiamo atteso l’inizio dell’anno scolastico aderendo a ogni iniziativa del ministero con grande senso di responsabilità. Abbiamo firmato il protocollo della sicurezza affinché l’anno prendesse piede nel migliore dei modi. Abbiamo aderito alla campagna sui vaccini prima, e sul green pass poi. Abbiamo chiesto con molta determinazione che viale Trastevere iniziasse a prendere in mano i problemi della dirigenza scolastica. Nulla, silenzio e calma piatta. E davanti a questa situazione non possiamo fare altro che proclamare uno stato di agitazione".

"A partire dal prossimo 15 novembre - annuncia Fratta - attueremo lo stato di agitazione proclamato, attraverso sit in, scioperi di fame e sete a oltranza e disobbedienza civile. E’ ora di dire basta a questa presa in giro che si protrae ormai da anni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli