Scuola, de Pascale: ministro di accendere un faro su stato superiori

Rus

Roma, 3 ott. (askanews) - "La convocazione di questo Osservatorio tra i primi atti è un segnale chiaro dell'attenzione che il Ministro Fioramonti vuole porre al tema dell'edilizia scolastica, attenzione confermata dall'avere assegnato al Viceminstro Ascani la delega su questo tema. E' un segno di discontinuità che cogliamo con favore e come Province ci sarà massima disponibilità a dare un contributo fattivo, ma  chiediamo che si  di accenda un grande faro sulla situazione della scuole superiori italiane,  che negli ultimi anni sono state le grandi dimenticate dell'azione dl Governo. Per questo lancismonla proposta di organizzare una giornata degli Stati Generali delele scuole supeitori, in cui confrontarci, istituzioni, studenti, dirigenti scolastici associazioni, magari iin occssione della Settimana pet la sicurezza nelle scuole". Lo ha detto il Presidente dell'UPI Michele de Pascale, intervenendo alla seduta di insediamento dell'Osservatorio per l'edilizia scolastica oggi al Ministero dell'Istruzione alla presenza del Ministro Lorenzo Fioramonti e  del Viceministro Anna Ascani.

"Sono anni che le risorse per i  7.500 edifici nelle quali studiano gli otre 2 milioni e mezzo di studenti e studentesse, sono scarsissime. La  scorsa settimana questi ragazzi sono scesi in piazza per chiedere un futuro. Tutti noi li abbiamo sostenuti ed elogiati, e poi li abbiamo rimandati a studiare in classi che in buona parte certo non sono  modelli dal punto di vista della compatibilità ambientale  e spesso anche carenti rispetto alla stessa sicurezza. Invitiamo il Ministro a fare con noi un giro per l'Italia per vedere di persona le scuole superiori, per verificare direttamente  le condizioni in cui sono molte di queste scuole, ma anche gli esempi di edifici d'avanguardia che siamo riusciti comunque a costruire e che sono poli d'eccellenza. Con risorse mirate e procedure semplificate che non facciano trascorrere anni tra l'attribuzione dei fondi e l'avvio dei lavori, le Province possono realizzare una grande opera di rinnovamento delle scuole superiori".