Scuola, preside Primo Levi (Roma): "più paura docenti a vaccinarsi, tamponi siano obbligatori"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 mar. (Adnkronos) – La vicenda AstraZeneca "purtroppo sta portando le sue conseguenze: gli insegnanti sono preoccupati. Se già prima notavo una certa loro resistenza a vaccinarsi, adesso la rilevo ancora più di prima". A rischio il rientro? "No, non erano vaccinati allora, non lo saranno adesso. La scuola può continuare – risponde – Ma i tamponi obbligatori per l'intera comunità scolastica per tornare in classe in sicurezza sarebbero una tutela dovuta, che non fa male a nessuno". A parlare all'Adnkronos è Stefano Sancandi, dirigente scolastico del liceo scientifico romano Primo Levi.

"Purtroppo, a differenza ad esempio dei dirigenti delle scuole internazionali, noi presidi abbiamo le mani legate: non possiamo obbligare i professori e gli studenti a fare i tamponi. E' l'autorità sanitaria che può. E mi auguro che in vista del rientro dopo Pasqua lo faccia – conclude – significherebbe adottare una misura simbolo di un'attenzione maggiore e diversa verso la scuola".