Scuola: preside Virgilio (Milano), 'scettico su riapertura dopo Pasqua, si inizierà da piccoli'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 23 mar. (Adnkronos) – Riaprire le scuole in zona rossa dopo Pasqua sarebbe un buon segnale e permetterebbe, in parte, di "riacciuffare" l'anno scolastico, ma non si fa troppe illusioni il preside del liceo Virgilio di Milano, Roberto Garroni. "Sono un po' scettico sul fatto che per le superiori si riuscirà a farlo – spiega all'Adnkronos -. Se dal 7 aprile al 7 giugno, che sono due mesi di scuola, si può ricominciare con il 50% a giorni alterni sarebbe un modo per acciuffare, seppur per i capelli, l'anno scolastico. In due mesi magari ci si può mettere una pezza altrimenti sarò un delirio. Una soluzione politica, con una promozione ope legis per il secondo anno di fila sarebbe devastante".

E osserva: "Non so se si assumeranno il rischio di far tornare tutti in classe. Forse ripartiranno con più piccoli e poi si vedrà. Noi siamo già pronti, anche se per le superiori mi sembra poco probabile. Per le elementari, invece, riaprire in zona rossa dopo Pasqua credo sia una prospettiva concreta". In questi mesi di didattica a distanza, spiega il preside del Virgilio, frequentato da 1.870 studenti per 78 classi, "l'emergenza sociale è stata più per i bambini piccoli anche se la dad accentua le differenze sociali. Ci sono ragazzi che hanno una camera per sé" in cui studiare "ma molti invece vivono in appartamenti piccoli e devono condividere anche il pc con i fratelli o i genitori".

Presto per fare previsioni su settembre, ma un po' di fiducia Garroni sembra averla: "Rispetto all'anno scorso c'è la campagna vaccinale – spiega – procede a rilento ma è cominciata e anche io sono stato vaccinato venerdì scorso. Se i ritmi si accelereranno e il 70% degli italiani, come ha auspicato il premier Draghi, sarà vaccinato entro settembre allora potremo avere qualche speranza di avere un anno scolastico normale a partire da settembre".