Scuola, Presidi bocciano Piano Scuola: deludente

Cro-Mpd

Roma, 24 giu. (askanews) - "Il Piano deludente rispetto alla sua dichiarata finalit: fornire alle scuole indicazioni organizzative per la ripresa, a settembre, della didattica in presenza. Il documento, infatti, una sorta di rassegna delle possibilit offerte dalle norme autonomistiche ma non utile per pianificare l'attivit. responsabilit politica dell'Amministrazione centrale, non certo delle singole scuole, definire con chiarezza i livelli essenziali del servizio da erogare e fornire gli strumenti gestionali necessari". Cos i Presidi dell'ANP, guidati Antonello Giannelli che ha partecipato oggi all'incontro in videoconferenza di presentazione del Piano scuola 2020-2021 per l'avvio del prossimo anno scolastico.

L'ANP ha sottolineato al ministro Azzolina "che il testo del Piano ha cominciato a circolare sui social gi da ieri pomeriggio. Tale prassi inaccettabile: convocare un incontro per discutere di un testo gi reso pubblico significa disconoscere il ruolo delle forze sociali nel perseguimento dell'interesse pubblico e, in ultima analisi, sminuire i contributi di idee che queste possono apportare". Quanto al distanziamento sociale e sulle misure per farlo rispettare Giannelli ha aggiunto: "Come ANP ci siamo gi espressi nel recente passato. Per estendere il tempo scuola o per ampliare gli spazi della didattica si deve poter contare su organici di personale, docente e non docente, proporzionalmente incrementati. Fare riferimento ai patti educativi di comunit non equivale certo a garantire le necessarie risorse umane. In realt, gli organici sono stati attribuiti alle scuole tamquam pandemia non esset e questo rende velleitario ogni tentativo di attuare il distanziamento sociale".

(Segue)