Scuola: Pro Vita & Famiglia, 'green pass per genitori? Rischio discriminazione per bambini'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 set. (Adnkronos) – "Speriamo di aver capito male, tanto ci pare assurdo: intendete che se un bambino dovesse sentirsi male, la mamma deve correre a cercare una farmacia per il tampone, invece che correre dal figlio?". E' il commento di Maria Rachele Ruiu, membro del direttivo di Pro Vita & Famiglia, sull’obbligo di Green Pass anche per i genitori che si recano dentro le scuole dei propri figli.

"Cosa accadrà – prosegue Ruiu – se una mamma verrà chiamata d’urgenza perché il figlio deve essere cambiato? Gli verrà impedito l’accesso a scuola se sprovvista di green pass? Chi è vaccinato dovrà fare il tampone ? O ancora una volta la questione è più politica ché sanitaria?"

"Ancora una volta il pericolo di discriminazione per i bambini è lampante. Come rappresentanti di genitori ci aspettiamo risposte chiare e rassicuranti in questa rincorsa di decreti e notizie sui giornali", conclude Maria Rachele Ruiu.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli