Scuola, R. Lombardia: 5 mln a Province per dotazioni informatiche

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 ago. (askanews) - Attraverso la delibera proposta dall'assessore a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, la Giunta regionale ha approvato i criteri di assegnazione e il riparto dei 5 milioni di euro destinati alle Province e alla Città Metropolitana di Milano, per l'acquisto di dotazioni informatiche e per la realizzazione di opere e infrastrutture in grado di interconnettere le scuole lombarde. Lo ha riferito in una nota Regione Lombardia, che con Sertori spiega "grazie a queste significative risorse andremo a sostenere interventi di potenziamento delle dotazioni tecnologiche in uso nelle scuole per favorire la didattica in presenza e a distanza che, in seguito all'emergenza sanitaria, ha fatto emergere una necessità di sviluppo". "Le risorse - ha aggiunto - che potranno infatti essere utilizzate direttamente dalle Province e dalla Città Metropolitana o attraverso il trasferimento agli istituti scolastici del proprio territorio, saranno destinate a dotazioni informatiche (hardware e software), a opere e impianti di interconnessione digitale, concorrendo peraltro all'incremento del patrimonio pubblico lombardo".

La delibera stabilisce inoltre i seguenti criteri e modalità di assegnazione: "gli interventi ammissibili al finanziamento dovranno riguardare dotazioni informatiche e opere e impianti di interconnessione digitale finalizzati all'esclusivo utilizzo da parte degli istituti scolastici; le risorse assegnate a Province e Città Metropolitana dovranno essere da queste impegnate e utilizzate entro il 31 dicembre 2021". L'erogazione delle risorse previste avverrà con le seguenti modalità. Un acconto pari all'80%, contestualmente al provvedimento di impegno delle risorse, e un saldo pari al 20%, a seguito di presentazione della rendicontazione prevista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli