**Scuola: Rusconi (presidi Lazio), 'vulnus per no vax? Sindacati sollevino incostituzionalità'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 ago. (Adnkronos) – "Se i sindacati favorevoli al tampone gratuito per tutti ritengono ci sia un vulnus verso i no vax rispetto alla nota di precisazione del Ministero del 18 agosto, avviino il contenzioso giudiziario sollevando la questione dell'incostituzionalità. Ma il problema non può ricadere sulle scuole: una cosa è pagare il tampone ai fragili, altra ai no vax". Lo dice all'Adnkronos Mario Rusconi, presidente Anp Roma e Lazio che aggiunge: "Il Protocollo di sicurezza (dello scorso 14 agosto – ndr) è molto ambiguo e generico. Ecco perché noi non avevamo firmato. Il Ministro con la nota è intervenuto nella logica del Governo, suggerita da Palazzo Chigi e Figliuolo".

"Il tampone gratuito – spiega il sindacalista – non può ricadere sulle scuole. Non per questione di risorse che potrebbero anche esserci, ma perché è un non-senso: implicherebbe la sottrazione di fondi per una non volontarietà di qualcuni a farsi il vaccino, mentre si va verso l'obbigatorietà". "Il ricorso a Facebook e altri social da parte di membri dell'Esecutivo – constata inoltre Rusconi – è disdicevole ed un pessimo esempio per gli studenti. Facebook non è una circolare ministeriale. Se un esponente del Governo o un parlamentare vuole far valere le sue ragioni in dissenso deve farlo nelle sedi opportune. O non lamentiamoci se i ragazzi usano i social nel peggiore dei modi. Chi ha incarichi istituzionali deve rispettare le regole".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli