Scuola, sondaggio presidi: 32% classi infanzia in DAD, 23% primaria

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - "Molti soci nelle scorse settimane ci hanno chiesto di predisporre un quadro della situazione che rappresentasse all'opinione pubblica e al Ministero la situazione nella quale si trovano a operare. Malgrado i mille impegni hanno partecipato circa 1.300 dirigenti, che ringrazio moltissimo, su tutto il territorio nazionale. Rispondendo alle nostre domande ci hanno restituito l'istantanea del numero di classi che lo scorso venerdì erano in DAD e DDI. Parliamo di circa il 32% di classi in DAD alla scuola dell'infanzia e del 23% alla scuola primaria. Per quanto riguarda la scuola secondaria di primo e secondo grado, con una popolazione in larga parte vaccinata, la percentuale di DAD scende al 9% cui si contrappone un 29% di classi in DDI (modalità che non è presente nell'infanzia e nella primaria) per un totale di 38% di classi in qualche modo assenti. Per quanto riguarda il personale docente e ATA la media nazionale degli assenti si attesta intorno al 7%". Antonello Giannelli, Presidente nazionale dell'ANP, presenta così, in una nota, i risultati del sondaggio effettuato presso gli iscritti e relativo alla giornata di venerdì 21 gennaio 2022.

Conclude il Presidente ANP: "Si tratta di numeri in evoluzione che noi offriamo alla riflessione collettiva nella convinzione che la trasparenza costituisca presupposto fondamentale per la democrazia. Da settimane denunciamo il caos nel quale sono costrette a lavorare le scuole e la necessità di semplificare le misure di gestione dei casi di contagio. Apprezziamo, quindi, la dichiarazione odierna del sottosegretario Costa riguardante la necessità di 'mettere in atto una semplificazione delle regole per le scuole'. Speriamo sia la volta buona".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli