Scuola: sottosegretario Sasso, 'in sostegni-bis ignorato precariato storico'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 mag. (Adnkronos) – "Se la parte che riguarda la scuola della bozza del Decreto Sostegni-bis dovesse essere confermata, non posso che esprimere tutta la mia disapprovazione. Per carità, bene i finanziamenti alle scuole e agli enti locali, sacrosante le assunzioni per i vincitori dei vecchi concorsi e per talune categorie di insegnanti che aspettavano da tempo. Ma il problema del precariato storico è stato praticamente ignorato. Non è possibile limitarsi alla prima fascia delle GPS e non è possibile limitare le stabilizzazioni solo a poche migliaia di unità senza peraltro prevedere alcun percorso abilitante. Questo provvedimento va assolutamente emendato in Aula, così proprio non ci siamo". Lo dichiara Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell'Istruzione.

"Il M5S, forte di numeri che oggi possiede solo in Parlamento e non nel Paese, continua a tenere in ostaggio oltre 150.000 lavoratori precari della scuola, opponendosi alle proposte della Lega e del centrodestra grazie anche al silenzio-assenso del Pd. Mi rivolgo al presidente Draghi: in questo modo noi non avremo le cattedre occupate a settembre, ma avremo una valanga di supplenti e una soluzione che era alla portata di tutti sarà rinviata per l’ennesima volta. La Lega – sottolinea Sasso – presenterà importanti emendamenti: ci appelliamo fin da subito a tutti i parlamentari e alle organizzazioni sindacali affinché si raggiunga una soluzione reale e condivisa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli