Scuola: Toccafondi (Iv), 'dati Invalsi chiari, basta con dad'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 lug. (Adnkronos) – “L’indagine Invalsi conferma purtroppo, con l’inattaccabile linguaggio dei numeri, che sul piano formativo un prolungato ricorso alla Dad in sostituzione della normale attività in presenza si traduce in una catastrofe: uno studente italiano su due è impreparato”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera, a proposito del Rapporto Invalsi 2021, ed aggiunge: “Dopo questi dati il governo sia chiaro, netto e deciso: a settembre basta scuola in video”.

“I risultati dell’indagine – spiega – sono sconfortanti. Il 39% degli studenti italiani delle medie non ha raggiunto risultati soddisfacenti in italiano. Una percentuale che sale al 45% passando alla matematica. Alle superiori il dato è persino peggiore: 44% in italiano e 51% in matematica, con un balzo del 9% rispetto al rilevamento dell’anno precedente. L’analisi delle varie realtà regionali, specie al Sud, il quadro si aggrava. Questa situazione, purtroppo inequivocabile circa i danni provocati dalla Dad, porta con sé una conclusione altrettanto netta: la Dad non può essere considerata scuola. In altre parole, dobbiamo fare il possibile affinché a settembre la scuola riprenda in presenza per tutti e al 100%. Per far questo servono vaccini per i ragazzi dai 12 anni e una campagna di comunicazione che spieghi a famiglie e ragazzi la necessità di questo gesto”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli