Scuola: Uil, 'finalmente riparte confronto, affrontare questioni aperte e riaprirle il 1/9'

·1 minuto per la lettura
Scuola: Uil, 'finalmente riparte confronto, affrontare questioni aperte e riaprirle il 1/9'
Scuola: Uil, 'finalmente riparte confronto, affrontare questioni aperte e riaprirle il 1/9'

Roma, 16 mar. (Adnkronos) – "Finalmente si cambia verso. Con l’incontro svoltosi, questa mattina, con il Ministro dell’Istruzione, riparte il confronto con le Parti Sociali che, in passato, era mancato. Chiediamo risposte e impegni per il futuro. Sulla scia del Patto firmato con il Ministro Brunetta pensiamo sia opportuno arrivare a un accordo di programma di carattere generale che identifichi gli obiettivi di medio e lungo periodo". Ad affermarlo in una nota congiunta sono il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri e il segretario generale Uil Scuola, Pino Turi.

La scuola, sottolineano i sindacalisti, "può aiutare a superare le distanze sociali, geografiche e di genere. Ecco perché bisogna, innanzitutto, valorizzare la scuola pubblica e raccordare la crescita culturale, la formazione tecnica e professionale con quella del Paese, sapendo che c’è un tempo per l’emergenza e un tempo per il futuro.Se raffrontiamo le scuole italiane con quelle degli altri Paesi, emerge che non siamo riusciti a raggiungere neanche uno degli obiettivi che il precedente Governo si era posto: non ci sono strutture in più né classi con meno ragazzi e non sono stati risolti i problemi dei docenti e dei precari".

"Noi – aggiungono Bombardieri e Turi – siamo per riaprire le scuole dal primo settembre , affrontando subito le questioni aperte. E poi c’è un tempo per il futuro, per valorizzare la scuola e potenziare le possibilità di crescita. L’investimento strutturale più importante è quello sulle persone. Proponiamo, dunque, di definire un documento di carattere generale che identifichi gli obiettivi di medio e lungo periodo. Servono scelte coerenti che non dipendono solo da questo Ministero: parliamo di infrastrutture, di investimenti e di politica sanitaria.Siamo pronti a stabilire un percorso che rilanci la scuola e la formazione", concludono.