Scuole aperte a settembre. Azzolina; "Risorse per 4 miliardi".

Annunciata all'Aula dal presidente della Camera, Roberto Fico, al termine di una Conferenza dei capigruppo, l'Aula di Montecitorio ha votato a favore della 'seduta fiume' sugli odg al dl Scuola, con 99 voti di differenza. Nel pomeriggio il governo aveva incassato la fiducia n.19, con i 305 sì dell'Aula della Camera al dl Scuola. I voti contrari sono stati 221, e due le astensioni. 

Dopo il voto di fiducia, è iniziato il tavolo allargato convocato dalla ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, per definire insieme l'avvio dell'anno scolastico 2020-2021. "L'obiettivo è portare tutti a scuola in presenza. Con particolare attenzione ai più piccoli che hanno sofferto maggiormente in questo periodo", ha detto durante l'incontro la ministra, secondo il quale quello per la scuola "sarà un piano su più livelli che seguirà l'andamento del rischio di contagio".  Col nuovo anno scolastico l'obiettivo è tornare a scuola in piena sicurezza e in presenza, ma si valuterà secondo i dati epidemiologici, ha osservato Conte.

"Sulla scuola stiamo mobilitando risorse per oltre 4 miliardi", ha annunciato ancora Azzolina, "ci sarà subito un nuovo stanziamento di altri 330 milioni per l'edilizia scolastica leggera".  "Siamo tutti d'accordo che l'obiettivo di riapertura a settembre è complesso ma raggiungibile se ci mettiamo tutti attorno a tavolo. Lavoriamo tutti, ciascuno per la propria parte, il Paese si aspetta da noi che i ragazzi a settembre tornino a scuola", ha proseguito.

Oltre alle mascherine, ha affermato la ministra Azzolina, ci sarà la possibilità di usare le visiera anche per andare incontro alle esigenze di studenti con difficolta' respiratorie e ipoacusici. Il Cts sta valutando inoltre la possibilità di compartimentare i banchi, con divisori per garantire maggiore sicurezza.