SDRPY, PSNU e principali operatori dello sviluppo nello Yemen mettono l'accento sul triplice nesso

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

RIAD, Arabia Saudita, 27 luglio 2020 /PRNewswire/ -- Giovedì il Programma saudita per lo sviluppo e la ricostruzione dello Yemen [Saudi Development and Reconstruction Program for Yemen (SDRPY)], su invito del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (PSNU), ha partecipato a una riunione virtuale di donatori internazionali dedicata alle priorità di sviluppo a seguito della pandemia di COVID-19, con enfasi sul neonato quadro socioeconomico in Yemen. La coordinatrice umanitaria ONU in Yemen, Lise Grande, e la responsabile regionale in Yemen della Banca mondiale, Raja Kattan, hanno funto da copresidenti della seduta, che ha visto la presenza della dott.ssa Nahed Hussein, rappresentante residente aggiunta del PSNU, ambasciatori di paesi che supportano lo sviluppo in Yemen, nonché rappresentanti di organizzazioni per lo sviluppo internazionale.

Grande ha ringraziato il Regno dell'Arabia Saudita e la Banca mondiale per "essere intervenuti subito, erogando finanziamenti urgenti per i team in loco nello Yemen sin dagli inizi" della pandemia di COVID-19. "Senza tali iniziative – ha aggiunto – non ci sarebbe stata una risposta sanitaria pubblica".

Durante la riunione la delegazione SDRPY ha evidenziato quattro assi importanti del quadro socioeconomico strategico per lo Yemen, ovvero: (1) espansione della capacità degli istituti sanitari per consentire non solo l'erogazione di cure, ma anche l'adozione di misure preventive di sanità pubblica per far fronte alla pandemia in corso ed emergenze sanitarie future; (2) creazione di posti di lavoro durevole; (3) partecipazione efficace del settore privato nella ripresa economica; (4) affermazione della correlazione tra il percorso umanitario e di sviluppo e la pace durevole, il cosiddetto triplice nesso.

Precedentemente all'incontro, l'SDRPY ha preso parte alla seconda riunione programma paese del consiglio del PSNU, con la presenza del Ministro yemenita della pianificazione e cooperazione internazionale, il dott. Najib Al-Auj, funzionari allo sviluppo internazionali e ambasciatori. La riunione ha esaminato le priorità di sviluppo e ricostruzione nel contesto del quadro socioeconomico che il PSNU sta sviluppando nello Yemen, nonché la transizione dagli aiuti umanitari allo sviluppo sostenibile

Finora l'SDRPY ha dato attuazione a 177 progetti volti al miglioramento di servizi di base in settori cruciali, ivi compresa la fondazione di scuole, attrezzature per centri medici, campagne di risanamento ambientale e la fornitura di combustibili essenziali nell'ambito di un programma di aiuti saudita per 64 centrali elettriche yemenite. I progetti hanno contribuito al miglioramento delle prestazioni di istituzioni statali in varie province yemenite, in particolare Aden, Socotra, Mahra, Marib, Al-Jawf e Saada. Al momento il programma si adopera per estendere le iniziative sostenibili ad altri governatorati, per potenziare le capacità dello Yemen, promuovere l'autosufficienza e supportare la ripresa economica.

Logo - https://mma.prnewswire.com/media/1219520/UNDP___SDRPY_Logo.jpg