"Se Gramsci oggi vedesse la Polverini nella maggioranza di centrosinistra si rivolterebbe nella tomba". Marco Rizzo e il Pci

Federica Fantozzi
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Hp (Photo: Hp)
Hp (Photo: Hp)

“Il mio piccolo PC è seduto sulle spalle di giganti, ma dopo la fine di Rifondazione siamo gli ultimi eredi della tradizione di Gramsci”. Marco Rizzo, piemontese, cossuttiano, ex rifondarolo poi tra i fondatori del PdCi, oggi è segretario di un piccolissimo partito comunista. Un’eredità echeggiata fino a Pechino: “Mi hanno interpellato alcune riviste governative cinesi per commentare i discorsi del presidente Xi Jinping. E hanno pubblicato la mia recensione in esperanto sulle loro pagine”.

Cent’anni dalla nascita del PCI. Come li festeggia?

Intanto chiedendomi per l’ennesima volta se le ragioni alla base di quella scelta fossero giuste o sbagliate. E concludendo che erano e restano giuste. Quella vicenda ha prodotto un cambiamento sociale profondo, eguaglianza e conquiste sociali. Senza il Pci l’Italia di oggi sarebbe molto peggiore.

Lei oggi è segretario di un Partito Comunista “bonsai”. Cosa vi siete portati dietro dalla tradizione?

Siamo una piccola cosa che però si basa su Antonio Gramsci. Sul Pci delle origini, su quella storia che regge la sfida con la modernità. Se Gramsci oggi vedesse la Polverini nella maggioranza di centrosinistra si rivolterebbe nella tomba.

Di cose per cui rivoltarsi nella tomba ne vedrebbe parecchie.

Sì, il trasformismo dilaga. Io sono torinese, nato nel quartiere operaio di Borgo Della Vittoria. Oggi, al posto della sezione del partito, c’è la sede di una grande banca. A me fa pensare: se la sinistra diventa quella della finanza, c’è poco da ridere.

Quali sono i numeri del suo partito?

Alle elezioni politiche del 2018 abbiamo preso 100mila voti. Alle successive Europee 250mila. Abbiamo 4mila iscritti, ma siamo in crescita. Proprio quest’anno abbiamo abbassato l’età per iscriversi da 18 a 14 anni. Ci sono tanti ragazzi delle...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.