"Se il Pd dialoga con M5s farò un nuovo partito", dice Carlo Calenda

Se la direzione dem chiederà di verificare l'ipotesi di un accordo con M5s "vorrà dire che il Pd avrà definitivamente abdicato alla rappresentanza del mondo liberaldemocratico" e "io questa cosa non la accetterò": è l'avvertimento lanciato da Carlo Calenda in un'intervista al Foglio in cui ha spiegato che "a quel punto sarà inevitabile lavorare a una nuova forza politica che rappresenti quel mondo orfano". "Una forza non alleata con il Pd", ha sottolineato l'ex ministro dei governi Renzi e Gentiloni, "perché il Pd avrà perso ogni credibilità rispetto alle istanze dell'Italia seria, quella che lavora, studia e produce". L'obiettivo, ha spiegato, sarebbe quello di costruire "un'offerta per i cittadini preoccupati dall'evidenza che nella prossima legislatura, in caso di elezioni, ci sarà un blocco M5s-Pd contrapposto a una destra estremista".