Sea Watch 3 salva più di 200 naufraghi

Altre 150 persone sono state soccorse da nave Sea Watch 3 in due distinti salvataggi nel Mediterraneo centrale: un centinaio di migranti erano a bordo di un gommone in difficoltà mentre altri 49 erano su un'imbarcazione in legno. Sono 4 le operazioni di soccorso effettuate dalla Sea Watch 3 in 24 ore: alle due di stamattina si aggiungono le due di ieri in cui sono state salvate 74 persone. A bordo della nave ci sono complessivamente 223 migranti.

Altre 66 persone, tra cui una donna in avanzato stato di gravidanza e alcuni neonati, sono state soccorse dalla Guardia costiera di Roccella Jonica, in Calabria, dove si sono registrati nove sbarchi in due settimane.

Mercoledì scorso nel porto erano giunti altri 39 migranti afgani.  I migranti, prima di sbarcare a Roccella, si trovavano a bordo di una barca a vela localizzata dalla Guardia costiera ad oltre 30 miglia dalla costa. L'operazione di soccorso è stata coordinata dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Reggio Calabria. Dopo lo sbarco nel porto di Roccella, i migranti sono stati sottoposti al test del tampone molecolare da parte del personale specializzato dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. Successivamente, su disposizione della Prefettura di Reggio Calabria, sono stati momentaneamente sistemati nella tensostruttura realizzata nei mesi scorsi e gestita dai volontari della Croce rossa e della Protezione civile.

Quello di stamani è il 22mo sbarco di migranti nel solo tratto di costa della Locride in questi primi cinque mesi del 2022: 21 a Roccella e uno a Siderno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli