Sea Watch, amb. Mattiolo: serve politica Ue su migranti economici -2-

Coa

Roma, 26 lug. (askanews) - Ricordando la "grossissima eco sulla stampa" e la "risonanza" presso "l'opinione pubblica, in Germania, in Italia e in Europa", l'ambasciatore italiano a Berlino ha notato che l'episodio della Sea Watch è stata interpretata in Germania "con due chiavi di lettura abbastanza distinte". Da una parte, ha argomentato, si è insistito su "un imperativo da tutti condiviso, e ovviamente anche dall'Italia": "l'imperativo del salvataggio e della salvaguardia delle vite umane". Dall'altra, "al di là di questo, che è fondamentale", "l'atteggiamento di moltissimi commentatori tedeschi nei confronti di quanto accaduto è stato comunque ispirato alla necessità di rispettare le leggi e i regolamenti".

Dunque, ha commentato Mattiolo, "questa idea che è un po' passata come messaggio, che un imperativo etico fondamentale possa essere anche la base di una violazione di norme su un ingresso nei Paesi, non è qualcosa che il pubblico tedesco - soprattutto in un paese dove il valore della legalità è veramente pregnante - abbia condiviso".