Sea Watch con 194 migranti verso Messina. Musumeci: "Quarantena a bordo o vadano altrove"

La Sea Watch 3 fa rotta verso Messina. La nave della ong tedesca ha avuto l’autorizzazione per far sbarcare le 194 persone che ha salvato in tre operazioni diverse nella città siciliana. La scelta del Governo di assegnare Messina come porto sicuro ha scatenando la preoccupazione del presidente di Regione, Nello Musumeci, anche per i rischi legati al coronavirus: “Una quarantena a bordo è indispensabile”, ha dichiarato. In Sicilia sono stati registrati tre casi di covid-19 nella giornata di ieri. 

L’ imbarcazione dovrebbe arrivare domani mattina. Per il governatore, però, non devono sbarcare: “Faccio appello al presidente Conte. Dal Governo regionale siciliano è arrivato finora un responsabile atteggiamento rispetto alla gestione unitaria di questa emergenza. Ma serve reciprocità. Avevo chiesto ieri e ribadisco oggi: in un contesto di allarme come quello attuale, suona come una sfida al popolo siciliano pensare di fare sbarcare altri 194 migranti in Sicilia”. Per Musumeci, o i migranti vengono isolati direttamente sull’imbarcazione, oppure dovrà essere assegnato un nuovo porto: “Una quarantena a bordo è indispensabile o, se le autorità ritengono che la nave non lo consenta, si interloquisca con le autorità competenti e si diriga in altri porti”, fuori dalla Sicilia.

Parole sante, secondo Matteo Salvini: “Ha ragione il governatore Musumeci, non è possibile che in un momento come questo il governo permetta lo sbarco di altre centinaia di immigrati, che l’Europa si svegli e se ne faccia carico”.

Dalla Sea Watch fanno sapere di essere “felici di portare le persone soccorse a terra”, ma avverte che “altre due imbarcazioni sono in difficoltà al largo delle coste libiche. Chiediamo a tutte le autorità competenti di intervenire immediatamente. Non abbandonatele in mare”.

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.