Seco, debutto in calo a Piazza Affari, scambia sotto prezzo collocamento

·2 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) -Il gruppo tecnologico Seco perde oltre il 2% a Piazza Affari nel giorno del debutto, in controtendenza rispetto a un mercato positivo.

Intorno alle 11,25 il titolo cede il 2,7% a 3,6 euro, rispetto a un prezzo di collocamento di 3,7 euro per azione, a metà della forchetta di prezzo dell'Ipo.

L'indice AllShare <.FTITLMS> è in rialzo dell'1,3% e il settore tecnologico europeo avanza del 2% circa dopo il deciso calo di ieri, che ha allontanato il comparto dai recenti record.

L'Ipo del gruppo aretino si è chiusa venerdì scorso con una domanda complessiva superiore ai 400 milioni di euro al prezzo di collocamento, circa tre volte l'ammontare offerto (140 milioni circa, esclusa la greenshoe).

La società raccoglie così circa un centinaio di milioni di risorse fresche da usare, come annunciato in precedenza, per crescere all'estero e per acquisizioni.

"Adesso lavoriamo per la crescita organica, per l'accordo industriale con Olivetti nel campo dell'internet of things e dell'intelligenza artificiale... e per fare acquisizioni", ha spiegato l'AD di Seco Massimo Mauri a margine della cerimonia di quotazione, sottolineando che tra le due società ci sono buone sinergie dal punto di vista industriale.

Un ordine di 7,5 milioni di azioni è stato allocato a Olivetti (gruppo Telecom Italia), come già comunicato.

Nell'azionariato resterà anche il Fondo Italiano di Investimento (Fii).

"Come Fondo Italiano rimarremo investiti in Seco con una minoranza importante", spiega a Reuters Antonio Pace, AD di Fii entrato nel capitale della società nel 2018 con una quota del 20%.

"Siamo rimasti tra gli azionisti per affiancare Seco nella prossima fase di crescita... crediamo che Seco possa rappresentare un polo aggregante nel mercato dell'Iot, è già un campione nazionale ed ha tutte le carte in regola per diventare un leader europeo nel settore", ha aggiunto.

Quella di Seco è la seconda quotazione quest'anno sull'Mta dopo quella di Philogen a marzo.

Goldman Sachs e Mediobanca hanno agito come global coordinator. Value Track come financial advisor.

(Elisa Anzolin, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)