Secondo gli studiosi molti pazienti sani hanno contratto di nuovo il virus

·1 minuto per la lettura
ricerca guariti covid positivi
ricerca guariti covid positivi

La ricerca del Policlino Gemelli afferma che il 16,7% dei pazienti guariti dal Covid tornano a essere positivi dopo due settimane. Quasi un paziente su cinque risulta nuovamente contagiato dopo aver effettuato il tampone.

Covid, la ricerca: i guariti tornano positivi

La ricerca ha coinvolto 131 pazienti Covid. I medici, dopo la negatività al tampone, hanno seguito la loro storia clinica durante le due settimane successive. Gli studiosi hanno visto che 22 dei 131 pazienti, il 16,7%, dopo aver terminato la quarantena, dopo due settimane hanno effettuato un nuovo tampone che è risultato positivo.

La maggior parte dei pazienti, sottoposti a nuovo tampone dopo due settimane, avevano continuato a manifestare i sintomi del virus, nonostante fossero clinicamente guarito. I sintomi che si sono riscontrati in quasi tutti i pazienti sono stati: fatica, difficoltà respiratorie e tosse.

Lo studio è stato attuato durante il periodo intercorso dal 21 aprile al 21 maggio scorsi. I pazienti guariti hanno poi effettuato un nuovo tampone nei primi giorni di giugno. I ricercatori del Policlinico Gemelli, coordinati dal professor Francesco Landi, hanno attuato un servizio di assistenza per i pazienti in cui si sono continuati a manifestare i sintomi e sono giunti alla conclusione scientifica.

Un dato che afferma che esiste una elevata percentuale di casi guariti in cui si ripresenta in maniera consistente il virus. “In particolare – afferma il professor Landi – i guariti in cui persistono mal di gola e rinite dovrebbero evitare contatti ravvicinati, indossare la mascherina e possibilmente ripetere un ulteriore tampone. Non è chiaro se il tampone positivo sia necessariamente indicativo di presenza del virus vivo e quindi infettivo nel soggetto guarito”.